Home - VIS Vatican - Receive VIS - Contact us - Calendar

The Vatican Information Service is a news service, founded in the Holy See Press Office, that provides information about the Magisterium and the pastoral activities of the Holy Father and the Roman Curia...[]

Last 5 news

VISnews in Twitter Go to YouTube

Friday, September 3, 2010


VATICAN CITY, 3 SEP 2010 (VIS) - "Planted and built up in Jesus Christ, firm in the faith" is the title of the Message of Benedict XVI for the twenty-sixth World Youth Day, which is due to be celebrated in the Spanish capital Madrid during the month of August 2011.

  The Message - dated from the Vatican on 6 August, Feast of the Transfiguration of the Lord - has been published today. Paragraphs taken from the English-language version are given below. The Pope writes:

  I often think back on the World Youth Day held in Sydney, Australia, in 2008. There we had an experience of a great festival of faith in which the Spirit of God was actively at work, building deep communion among the participants who had come from all over the world. That gathering, like those on previous occasions, bore rich fruit in the lives of many young people and in the life of the whole Church. ... Now, at a time when Europe greatly needs to rediscover its Christian roots, our meeting will take place in Madrid with the theme: "Planted and built up in Jesus Christ, firm in the faith".

1. At the source of your deepest aspirations

  In every period of history, including our own, many young people experience a deep desire for personal relationships marked by truth and solidarity. ... In thinking of my own youth, I realise that stability and security are not the questions that most occupy the minds of young people. True enough, it is important to have a job and thus to have firm ground beneath our feet, yet the years of our youth are also a time when we are seeking to get the most out of life. ... We wanted something great, something new. We wanted to discover life itself, in all its grandeur and beauty. Naturally, part of that was due to the times we lived in. During the Nazi dictatorship and the war, we were, so to speak, "hemmed in" by the dominant power structure. So we wanted to break out into the open, to experience the whole range of human possibilities. I think that, to some extent, this urge to break out of the ordinary is present in every generation.

  ... Is this simply an empty dream that fades away as we become older? No! Men and women were created for something great, for infinity. ... The desire for a more meaningful life is a sign that God created us and that we bear His "imprint". God is life, and that is why every creature reaches out towards life. Because human beings are made in the image of God, we do this in a unique and special way. We reach out for love, joy and peace. So we can see how absurd it is to think that we can truly live by removing God from the picture! God is the source of life. To set God aside is to separate ourselves from that source and, inevitably, to deprive ourselves of fulfilment and joy.

  In some parts of the world, particularly in the West, today's culture tends to exclude God, and to consider faith a purely private issue with no relevance for the life of society. Even though the set of values underpinning society comes from the Gospel - values like the sense of the dignity of the person, of solidarity, of work and of the family - we see a certain "eclipse of God" taking place, a kind of amnesia which, albeit not an outright rejection of Christianity, is nonetheless a denial of the treasure of our faith, a denial that could lead to the loss of our deepest identity.

  For this reason, dear friends, I encourage you to strengthen your faith in God, the Father of our Lord Jesus Christ. You are the future of society and of the Church! As the Apostle Paul wrote to the Christians of Colossae, it is vital to have roots, a solid foundation! This is particularly true today. Many people have no stable points of reference on which to build their lives, and so they end up deeply insecure. There is a growing mentality of relativism, which holds that everything is equally valid, that truth and absolute points of reference do not exist. But this way of thinking does not lead to true freedom, but rather to instability, confusion and blind conformity to the fads of the moment. As young people, you are entitled to receive from previous generations solid points of reference to help you to make choices and on which to build your lives: like a young plant which needs solid support until it can sink deep roots and become a sturdy tree capable of bearing fruit.

2. Planted and built up in Jesus Christ

  In order to highlight the importance of faith in the lives of believers, I would like to reflect with you on each of the three terms used by St. Paul in the expression: "Planted and built up in Jesus Christ, firm in the faith". We can distinguish three images: "planted" calls to mind a tree and the roots that feed it; "built up" refers to the construction of a house; "firm" indicates growth in physical or moral strength. These images are very eloquent.

  ... The first image is that of a tree which is firmly planted thanks to its roots, which keep it upright and give it nourishment. ... What are our roots? Naturally our parents, our families and the culture of our country are very important elements of our personal identity. But the Bible reveals a further element. The prophet Jeremiah wrote: "Blessed are those who trust in the Lord, whose trust is the Lord. They shall be like a tree planted by water, sending out its roots by the stream". ... For the prophet, to send out roots means to put one's trust in God. From Him we draw our life. ... Jesus Himself tells us that He is our life. Consequently, Christian faith is not only a matter of believing that certain things are true, but above all a personal relationship with Jesus Christ. It is an encounter with the Son of God that gives new energy to the whole of our existence.

  ... There is a moment, when we are young, when each of us wonders: what meaning does my life have? What purpose and direction should I give to it? This is a very important moment, and it can worry us, perhaps for some time. ... Here, once more, I think of my own youth. I was somehow aware quite early on that the Lord wanted me to be a priest. Then later, after the war, when I was in the seminary and at university on the way towards that goal, I had to recapture that certainty. I had to ask myself: is this really the path I was meant to take? Is this really God's will for me? ... A decision like this demands a certain struggle. It cannot be otherwise. But then came the certainty: this is the right thing! Yes, the Lord wants me, and He will give me strength. If I listen to Him and walk with Him, I become truly myself. What counts is not the fulfilment of my desires, but of His will. In this way life becomes authentic.

  Just as the roots of a tree keep it firmly planted in the soil, so the foundations of a house give it long-lasting stability. Through faith, we have been built up in Jesus Christ, even as a house is built on its foundations. Sacred history provides many examples of saints who built their lives on the Word of God. ... Being built up in Jesus Christ means responding positively to God's call, trusting in Him and putting His Word into practice.

  Dear friends, build your own house on rock. ... Try each day to follow Christ's Word. ... With Him at your side, you will find courage and hope to face difficulties and problems, and even to overcome disappointments and set-backs. You are constantly being offered easier choices, but you yourselves know that these are ultimately deceptive and cannot bring you serenity and joy. Only the Word of God can show us the authentic way, and only the faith we have received is the light which shines on our path. ... Do not believe those who tell you that you don't need others to build up your life! Find support in the faith of those who are dear to you, in the faith of the Church, and thank the Lord that you have received it and have made it your own!

3. Firm in the faith

  You are "planted and built up in Jesus Christ, firm in the faith". The Letter from which these words are taken was written by St. Paul in order to respond to a specific need of the Christians in the city of Colossae. ... Our own cultural context, dear young people, is not unlike that of the ancient Colossians. Indeed, there is a strong current of secularist thought that aims to make God marginal in the lives of people and society by proposing and attempting to create a "paradise" without Him. Yet experience tells us that a world without God becomes a "hell": filled with selfishness, broken families, hatred between individuals and nations, and a great deficit of love, joy and hope. On the other hand, wherever individuals and nations accept God's presence, worship Him in truth and listen to His voice, then the civilisation of love is being built, a civilisation in which the dignity of all is respected, and communion increases, with all its benefits. Yet some Christians allow themselves to be seduced by secularism or attracted by religious currents that draw them away from faith in Jesus Christ. There are others who, while not yielding to these enticements, have simply allowed their faith to grow cold, with inevitable negative effects on their moral lives.

  Dear friends, the Cross often frightens us because it seems to be a denial of life. In fact, the opposite is true! It is God's "yes" to mankind, the supreme expression of His love and the source from which eternal life flows. ... I can only urge you, then, to embrace the Cross of Jesus, the sign of God's love, as the source of new life.

4. Believing in Jesus Christ without having seen Him

  For many people today, it has become difficult to approach Jesus. There are so many images of Jesus in circulation which, while claiming to be scientific, detract from His greatness and the uniqueness of His person. That is why, after many years of study and reflection, I thought of sharing something of my own personal encounter with Jesus by writing a book. It was a way to help others see, hear and touch the Lord in whom God came to us in order to make Himself known.

  Dear young people, learn to "see" and to "meet" Jesus in the Eucharist, where He is present and close to us, and even becomes food for our journey. In the Sacrament of Penance the Lord reveals His mercy and always grants us His forgiveness. Recognise and serve Jesus in the poor, the sick, and in our brothers and sisters who are in difficulty and in need of help. Enter into a personal dialogue with Jesus Christ and cultivate it in faith. Get to know Him better by reading the Gospels and the Catechism of the Catholic Church. Converse with Him in prayer, and place your trust in Him. He will never betray that trust! ... Thus you will acquire a mature and solid faith, one which will not be based simply on religious sentiment or on a vague memory of the catechism you studied as a child. You will come to know God and to live authentically in union with him, like the Apostle Thomas who showed his firm faith in Jesus in the words: "My Lord and my God!"

5. Sustained by the faith of the Church, in order to be witnesses

  In the history of the Church, the saints and the martyrs have always drawn from the glorious Cross of Christ the strength to be faithful to God even to the point of offering their own lives. In faith they found the strength to overcome their weaknesses and to prevail over every adversity. ... The victory born of faith is that of love. There have been, and still are, many Christians who are living witnesses of the power of faith that is expressed in charity.

  Christ is not a treasure meant for us alone; He is the most precious treasure we have, one that is meant to be shared with others. In our age of globalisation, be witnesses of Christian hope all over the world. How many people long to receive this hope!

  In the same way, if you believe, and if you are able to live out your faith and bear witness to it every day, you will become a means of helping other young people like yourselves to find the meaning and joy of life, which is born of an encounter with Christ!

6. On the way to World Youth Day in Madrid

  Dear friends, once again I invite you to attend World Youth Day in Madrid. I await each of you with great joy. Jesus Christ wishes to make you firm in faith through the Church. The decision to believe in Jesus Christ and to follow Him is not an easy one. It is hindered by our personal failures and by the many voices that point us towards easier paths. Do not be discouraged. Rather, look for the support of the Christian community, the support of the Church!

  Throughout this year, carefully prepare for the meeting in Madrid with the bishops, priests and youth leaders in your dioceses, parish communities, associations and movements. The quality of our meeting will depend above all on our spiritual preparation, our prayer, our common hearing of the word of God and our mutual support.

  Dear young people, the Church depends on you! She needs your lively faith, your creative charity and the energy of your hope. Your presence renews, rejuvenates and gives new energy to the Church. That is why World Youth Days are a grace, not only for you, but for the entire People of God. The Church in Spain is actively preparing to welcome you and to share this joyful experience of faith with you.
MESS/                                    VIS 20100903 (2440)


VATICAN CITY, 3 SEP 2010 (VIS) - The Holy Father today received in separate audiences six prelates from the National Conference of Bishops of Brazil, on their "ad limina" visit:

    - Bishop Jose Edson Santana de Oliveira of Eunapolis.

    - Bishop Mauro Montagnoli C.S.S. of Ilheus.

    - Bishop Czeslaw Stanula C.SS.R. of Itabuna.

    - Bishop Carlos Alberto dos Santos of Teixeira de Freitas-Caravelas.

    - Archbishop Jose Palmeira Lessa of Aracaju, accompanied by Auxiliary Bishop Henrique Soares da Costa.
AL/                                    VIS 20100903 (80)


VATICAN CITY, 3 SEP 2010 (VIS) - The following prelates died in recent weeks:

 - Bishop Andraos Abouna, auxiliary of Babylon of the Chaldeans, Iraq, on 27 July at the age of 67.

 - Bishop Evaristus Thatho Bitsoane of Qacha's Nek, Lesotho, on 17 July at the age of 71.

 - Archbishop Arsenio Raul Casado, emeritus of Tucuman, Argentina, on 20 July at the age of 80.

 - Bishop Joseph Robert Rodericks S.J., emeritus of Jamshedpur, India, on 14 July at the age of 83.

 - Bishop Domingos Gabriel Wisniewski C.M., emeritus of Apucarana, Brazil, on 21 July at the age of 82.

 - Bishop Alberto Ablondi, emeritus of Livorno, Italy, on 21 August at the age of 85.

 - Bishop Francisco Maria Aguilera Gonzalez, former auxiliary of Mexico, on 5 August at the age of 92.

 - Bishop Mervyn Alban Alexander, emeritus of Clifton, England, on 14 August at the age of 85.

 - Bishop Acacio Rodrigues Alves, emeritus of Palmares, Brazil, on 24 August at the age of 85.

 - Bishop Patrick Dougherty, emeritus of Bathurst, Australia, on 30 August at the age of 78.

 - Bishop Jacques Maurice Faivre, emeritus of Le Mans, France, on 12 August at the age of 76.

 - Bishop Louis Gaumain O.F.M. Cap., emeritus of Moundou, Chad, on 20 August at the age of 95.

 - Bishop Constantin Guirma, emeritus of Kaya, Burkina Faso, on 6 August at the age of 90.

 - Bishop Joseph Mahfouz O.L.M., emeritus of Nossa Senhora del Libano em Sao Paulo of the Maronites, Brazil, on 25 August at the age of 78.

 - Archbishop Joji Marampudi of Hyderabad, India, on 27 August at the age of 67.

 - Bishop Jaime Prieto Amaya of Cucuta, Colombia, on 25 August at the age of 69.

 - Bishop Simone Scatizzi, emeritus of Pistoia, Italy, on 27 August at the age of 79.

 - Bishop Ricardo Jose Weberberger O.S.B. of Barreiras, Brazil, on 17 August at the age of 70.
.../                                    VIS 20100903 (340)


CITTA' DEL VATICANO, 3 SET. 2010 (VIS). “Radicati e fondati in Cristo, saldi nella fede” (Lettera di San Paolo ai Colossesi), è il titolo del Messaggio del Santo Padre Benedetto XVI per la XXVI Giornata Mondiale della Gioventù, in programma a Madrid (Spagna), nell’agosto 2011.

Di seguito riportiamo paragrafi del Messaggio, dal Vaticano, datato 6 agosto, festa della Trasfigurazione del Signore, reso pubblico oggi.

“Cari amici, ripenso spesso alla Giornata Mondiale della Gioventù di Sydney del 2008. Là abbiamo vissuto una grande festa della fede, durante la quale lo Spirito di Dio ha agito con forza, creando un’intensa comunione tra i partecipanti, venuti da ogni parte del mondo. Quel raduno, come i precedenti, ha portato frutti abbondanti nella vita di numerosi giovani e della Chiesa intera. (...) Adesso, in un momento in cui l’Europa ha grande bisogno di ritrovare le sue radici cristiane, ci siamo dati appuntamento a Madrid, con il tema: “Radicati e fondati in Cristo, saldi nella fede” (cfr Col 2,7)”.

1. Alle sorgenti delle vostre più grandi aspirazioni

“In ogni epoca, anche ai nostri giorni, numerosi giovani sentono il profondo desiderio che le relazioni tra le persone siano vissute nella verità e nella solidarietà. (...) Certamente, ricordando la mia giovinezza, so che stabilità e sicurezza non sono le questioni che occupano di più la mente dei giovani. Sì, la domanda del posto di lavoro e con ciò quella di avere un terreno sicuro sotto i piedi è un problema grande e pressante, ma allo stesso tempo la gioventù rimane comunque l’età in cui si è alla ricerca della vita più grande. (...) Volevamo ciò che è grande, nuovo. Volevamo trovare la vita stessa nella sua vastità e bellezza. Certamente, ciò dipendeva anche dalla nostra situazione. Durante la dittatura nazionalsocialista e nella guerra noi siamo stati, per così dire, ‘rinchiusi’ dal potere dominante. Quindi, volevamo uscire all’aperto per entrare nell’ampiezza delle possibilità dell’essere uomo. Ma credo che, in un certo senso, questo impulso di andare oltre all’abituale ci sia in ogni generazione”.

“(...) Si tratta solo di un sogno vuoto che svanisce quando si diventa adulti? No, l’uomo è veramente creato per ciò che è grande, per l’infinito. (...) Il desiderio della vita più grande è un segno del fatto che ci ha creati Lui, che portiamo la sua ‘impronta’. Dio è vita, e per questo ogni creatura tende alla vita; in modo unico e speciale la persona umana, fatta ad immagine di Dio, aspira all’amore, alla gioia e alla pace. Allora comprendiamo che è un controsenso pretendere di eliminare Dio per far vivere l’uomo! Dio è la sorgente della vita; eliminarlo equivale a separarsi da questa fonte e, inevitabilmente, privarsi della pienezza e della gioia”.

“La cultura attuale, in alcune aree del mondo, soprattutto in Occidente, tende ad escludere Dio, o a considerare la fede come un fatto privato, senza alcuna rilevanza nella vita sociale. Mentre l’insieme dei valori che sono alla base della società proviene dal Vangelo – come il senso della dignità della persona, della solidarietà, del lavoro e della famiglia –, si constata una sorta di ‘eclissi di Dio’, una certa amnesia, se non un vero rifiuto del Cristianesimo e una negazione del tesoro della fede ricevuta, col rischio di perdere la propria identità profonda”.

“Per questo motivo, cari amici, vi invito a intensificare il vostro cammino di fede in Dio, Padre del nostro Signore Gesù Cristo. Voi siete il futuro della società e della Chiesa! Come scriveva l’apostolo Paolo ai cristiani della città di Colossi, è vitale avere delle radici, della basi solide! E questo è particolarmente vero oggi, quando molti non hanno punti di riferimento stabili per costruire la loro vita, diventando così profondamente insicuri. Il relativismo diffuso, secondo il quale tutto si equivale e non esiste alcuna verità, né alcun punto di riferimento assoluto, non genera la vera libertà, ma instabilità, smarrimento, conformismo alle mode del momento. Voi giovani avete il diritto di ricevere dalle generazioni che vi precedono punti fermi per fare le vostre scelte e costruire la vostra vita, come una giovane pianta ha bisogno di un solido sostegno finché crescono le radici, per diventare, poi, un albero robusto, capace di portare frutto”.

2. Radicati e fondati in Cristo

Per mettere in luce l’importanza della fede nella vita dei credenti, vorrei soffermarmi su ciascuno dei tre termini che san Paolo utilizza in questa sua espressione: ‘Radicati e fondati in Cristo, saldi nella fede’ (cfr Col 2,7). Vi possiamo scorgere tre immagini: ‘radicato’ evoca l’albero e le radici che lo alimentano; ‘fondato’ si riferisce alla costruzione di una casa; ‘saldo’ rimanda alla crescita della forza fisica o morale. Si tratta di immagini molto eloquenti”.

“(...) La prima immagine è quella dell’albero, fermamente piantato al suolo tramite le radici, che lo rendono stabile e lo alimentano. (...) Quali sono le nostre radici? Naturalmente i genitori, la famiglia e la cultura del nostro Paese, che sono una componente molto importante della nostra identità. La Bibbia ne svela un’altra. Il profeta Geremia scrive: ‘Benedetto l’uomo che confida nel Signore e il Signore è la sua fiducia. È come un albero piantato lungo un corso d’acqua, verso la corrente stende le radici; (...) (Ger 17,7-8). Stendere le radici, per il profeta, significa riporre la propria fiducia in Dio. Da Lui attingiamo la nostra vita; (..). Gesù stesso si presenta come nostra vita (cfr Gv 14,6). Perciò la fede cristiana non è solo credere a delle verità, ma è anzitutto una relazione personale con Gesù Cristo, è l’incontro con il Figlio di Dio, che dà a tutta l’esistenza un dinamismo nuovo”.

“(...) C’è un momento, da giovani, in cui ognuno di noi si domanda: che senso ha la mia vita, quale scopo, quale direzione dovrei darle? È una fase fondamentale, che può turbare l’animo, a volte anche a lungo. (...) In questo contesto, ripenso alla mia giovinezza. In qualche modo ho avuto ben presto la consapevolezza che il Signore mi voleva sacerdote. Ma poi, dopo la Guerra, quando in seminario e all’università ero in cammino verso questa meta, ho dovuto riconquistare questa certezza. Ho dovuto chiedermi: è questa veramente la mia strada? È veramente questa la volontà del Signore per me? (...) Una tale decisione deve anche essere sofferta. Non può essere diversamente. Ma poi è sorta la certezza: è bene così! Sì, il Signore mi vuole, pertanto mi darà anche la forza. Nell’ascoltarLo, nell’andare insieme con Lui divento veramente me stesso. Non conta la realizzazione dei miei propri desideri, ma la Sua volontà. Così la vita diventa autentica”.

“Come le radici dell’albero lo tengono saldamente piantato nel terreno, così le fondamenta danno alla casa una stabilità duratura. Mediante la fede, noi siamo fondati in Cristo (cfr Col 2,7), come una casa è costruita sulle fondamenta. Nella storia sacra abbiamo numerosi esempi di santi che hanno edificato la loro vita sulla Parola di Dio. (...) Essere fondati in Cristo significa rispondere concretamente alla chiamata di Dio, fidandosi di Lui e mettendo in pratica la sua Parola”.

“Cari amici, costruite la vostra casa sulla roccia (...). Cercate anche voi, tutti i giorni, di seguire la Parola di Cristo. (...) Con Lui accanto sarete capaci di affrontare con coraggio e speranza le difficoltà, i problemi, anche le delusioni e le sconfitte. Vi vengono presentate continuamente proposte più facili, ma voi stessi vi accorgete che si rivelano ingannevoli, non vi danno serenità e gioia. Solo la Parola di Dio ci indica la via autentica, solo la fede che ci è stata trasmessa è la luce che illumina il cammino. (...) Non credete a coloro che vi dicono che non avete bisogno degli altri per costruire la vostra vita! Appoggiatevi, invece, alla fede dei vostri cari, alla fede della Chiesa, e ringraziate il Signore di averla ricevuta e di averla fatta vostra!”.

3. Saldi nella fede

“Siate ‘radicati e fondati in Cristo, saldi nella fede’ (cfr Col 2,7). La Lettera da cui è tratto questo invito, è stata scritta da san Paolo per rispondere a un bisogno preciso dei cristiani della città di Colossi. (...) Il nostro contesto culturale, cari giovani, ha numerose analogie con quello dei Colossesi di allora. Infatti, c’è una forte corrente di pensiero laicista che vuole emarginare Dio dalla vita delle persone e della società, prospettando e tentando di creare un ‘paradiso’ senza di Lui. Ma l’esperienza insegna che il mondo senza Dio diventa un ‘inferno’: prevalgono gli egoismi, le divisioni nelle famiglie, l’odio tra le persone e tra i popoli, la mancanza di amore, di gioia e di speranza. Al contrario, là dove le persone e i popoli accolgono la presenza di Dio, lo adorano nella verità e ascoltano la sua voce, si costruisce concretamente la civiltà dell’amore, in cui ciascuno viene rispettato nella sua dignità, cresce la comunione, con i frutti che essa porta. Vi sono però dei cristiani che si lasciano sedurre dal modo di pensare laicista, oppure sono attratti da correnti religiose che allontanano dalla fede in Gesù Cristo. Altri, senza aderire a questi richiami, hanno semplicemente lasciato raffreddare la loro fede, con inevitabili conseguenze negative sul piano morale”.

“Cari amici, spesso la Croce ci fa paura, perché sembra essere la negazione della vita. In realtà, è il contrario! Essa è il ‘sì’ di Dio all’uomo, l’espressione massima del suo amore e la sorgente da cui sgorga la vita eterna. (...) Dunque, non posso che invitarvi ad accogliere la Croce di Gesù, segno dell’amore di Dio, come fonte di vita nuova”.

4. Credere in Gesù Cristo senza vederlo

(...) Oggi per molti, l’accesso a Gesù si è fatto difficile. Circolano così tante immagini di Gesù che si spacciano per scientifiche e Gli tolgono la sua grandezza, la singolarità della Sua persona. Pertanto, durante lunghi anni di studio e meditazione, maturò in me il pensiero di trasmettere un po’ del mio personale incontro con Gesù in un libro: quasi per aiutare a vedere, udire, toccare il Signore, nel quale Dio ci è venuto incontro per farsi conoscere”.

“Cari giovani, imparate a ‘vedere’, a ‘incontrare’ Gesù nell’Eucaristia, dove è presente e vicino fino a farsi cibo per il nostro cammino; nel Sacramento della Penitenza, in cui il Signore manifesta la sua misericordia nell’offrirci sempre il suo perdono. Riconoscete e servite Gesù anche nei poveri, nei malati, nei fratelli che sono in difficoltà e hanno bisogno di aiuto. Aprite e coltivate un dialogo personale con Gesù Cristo, nella fede. Conoscetelo mediante la lettura dei Vangeli e del Catechismo della Chiesa Cattolica; entrate in colloquio con Lui nella preghiera, dategli la vostra fiducia: non la tradirà mai! (...) Così potrete acquisire una fede matura, solida, che non sarà fondata unicamente su un sentimento religioso o su un vago ricordo del catechismo della vostra infanzia. Potrete conoscere Dio e vivere autenticamente di Lui, come l’apostolo Tommaso, quando manifesta con forza la sua fede in Gesù: ‘Mio Signore e mio Dio!’”.

5. Sorretti dalla fede della Chiesa, per essere testimoni

“(...) Nella storia della Chiesa, i santi e i martiri hanno attinto dalla Croce gloriosa di Cristo la forza per essere fedeli a Dio fino al dono di se stessi; nella fede hanno trovato la forza per vincere le proprie debolezze e superare ogni avversità. (...) E la vittoria che nasce dalla fede è quella dell’amore. Quanti cristiani sono stati e sono una testimonianza vivente della forza della fede che si esprime nella carità: sono stati artigiani di pace, promotori di giustizia, animatori di un mondo più umano, un mondo secondo Dio; si sono impegnati nei vari ambiti della vita sociale, con competenza e professionalità, contribuendo efficacemente al bene di tutti. La carità che scaturisce dalla fede li ha condotti ad una testimonianza molto concreta, negli atti e nelle parole: Cristo non è un bene solo per noi stessi, è il bene più prezioso che abbiamo da condividere con gli altri. Nell’era della globalizzazione, siate testimoni della speranza cristiana nel mondo intero: sono molti coloro che desiderano ricevere questa speranza!”.

“Anche voi, se crederete, se saprete vivere e testimoniare la vostra fede ogni giorno, diventerete strumento per far ritrovare ad altri giovani come voi il senso e la gioia della vita, che nasce dall’incontro con Cristo!”.

6. Verso la Giornata Mondiale di Madrid

“Cari amici, vi rinnovo l’invito a venire alla Giornata Mondiale della Gioventù a Madrid. Con gioia profonda, attendo ciascuno di voi personalmente: Cristo vuole rendervi saldi nella fede mediante la Chiesa. La scelta di credere in Cristo e di seguirlo non è facile; è ostacolata dalle nostre infedeltà personali e da tante voci che indicano vie più facili. Non lasciatevi scoraggiare, cercate piuttosto il sostegno della Comunità cristiana, il sostegno della Chiesa!”
“Nel corso di quest’anno preparatevi intensamente all’appuntamento di Madrid con i vostri Vescovi, i vostri sacerdoti e i responsabili di pastorale giovanile nelle diocesi, nelle comunità parrocchiali, nelle associazioni e nei movimenti. La qualità del nostro incontro dipenderà soprattutto dalla preparazione spirituale, dalla preghiera, dall’ascolto comune della Parola di Dio e dal sostegno reciproco”.

“Cari giovani, la Chiesa conta su di voi! Ha bisogno della vostra fede viva, della vostra carità creativa e del dinamismo della vostra speranza. La vostra presenza rinnova la Chiesa, la ringiovanisce e le dona nuovo slancio. Per questo le Giornate Mondiali della Gioventù sono una grazia non solo per voi, ma per tutto il Popolo di Dio. La Chiesa in Spagna si sta preparando attivamente per accogliervi e vivere insieme l’esperienza gioiosa della fede”.
MESS/ VIS 20100903 (2230)


CITTA' DEL VATICANO, 3 SET. 2010 (VIS). Il Santo Padre ha ricevuto questa mattina in udienze separate sei Presuli della Conferenza Episcopale del Brasile (Regione Nord Est III), in Visita “ad Limina Apostolorum”:

- Il Vescovo José Edson Santana de Oliveira, di Eunápolis.

- Il Vescovo Mauro Montagnoli, C.S.S., di Ilhéus.

- Il Vescovo Czeslaw Stanula, C.SS.R., di Itabuna.

- Il Vescovo Carlos Alberto dos Santos, di Teixeira de Freitas-Caravelas.

- L’Arcivescovo José Palmeira Lessa, di Aracaju, con l’Ausiliare Vescovo Heniruqe Soares da Costa.
AL/ VIS 20100903 (80)


CITTA' DEL VATICANO, 3 SET. 2010 (VIS). Di seguito riportiamo i dati dei Presuli mancati nelle ultime settimane:

- Vescovo Andraos Abouna, Ausiliare di Baghdad (Iraq), il 27 luglio, all’età di 67 anni.

- Vescovo Evaristus Thatho Bitsoane, di Qacha’s Nek (Lesotho), il 17 luglio, all’età di 71 anni.

- Arcivescovo Arsenio Raúl Casado, emerito di Tucumán (Argentina), il 20 luglio, all’età di 80 anni.

- Vescovo Joseph Robert Rodericks, S.I., emerito di Jamshedpur (India), il 14 luglio, all’età di 83 anni.

- Vescovo Domingos Gabriel Wisniewski, C.M., emerito di Apucarana (Brasile), il 21 luglio, all’età di 82 anni.

- Vescovo Alberto Abondi, emerito di Livorno (Italia), il 21 agosto, all’età di 85 anni.

- Vescovo Francisco Maria Aguilera González, già Ausiliare di México (Messico), il 5 agosto, all’età di 92 anni.

- Vescovo Mervyn Alban Alexander, emerito di Clifton (Regno Unito), il 14 agosto, all’età di 85 anni.

- Vescovo Acácio Rodrigues Alves, emerito di Palmares (Brasile), il 24 agosto, all’età di 85 anni.

- Vescovo Patrick Dougherty, emerito di Bathurst (Australia), il 30 agosto, all’età di 78 anni.

- Vescovo Jacques Maurice Faivre, emerito di Le Mans (Francia), il 12 agosto, all’età di 76 anni.

- Vescovo Louis Gaumain, O.F.M.Cap., emerito di Moundou (Ciad), il 20 agosto, all’età di 95 anni.

- Vescovo Constantin Guirma, emerito di Kaya (Burkina Faso), il 6 agosto, all’età di 90 anni.

- Vescovo Joseph Mahfouz, O.L.M., emerito di Nossa Senhora do Libano em São Paulo dei Maroniti (Brasile), il 25 agosto, all’età di 78 anni.

- Arcivescovo Joji Marampudi, di Hyderabad (India), il 27 agosto, all’età di 67 anni.

- Vescovo Jaime Prieto Amaya, di Cúcuta (Colombia), il 25 agosto, all’età di 69 anni.

- Vescovo Simone Scatizzi, emerito di Pistoia (Italia), il 27 agosto, all’età di 79 anni.

- Vescovo Ricardo José Weberberger, O.S.B., di Barreiras (Brasile), il 17 agosto, all’età di 70 anni.
.../ VIS 20100903 (320)
Copyright © VIS - Vatican Information Service